Vladimir Putin: Discorso in occasione del 70° anniversario della vittoria del 1945, 9 maggio 2015

Russian President Vladimir Putin, left, and Defense Minister Anatoly Serdyukov, second left, speaks with officers and WWII veterans on the Red Square, after the Victory Day Parade, which commemorates the 1945 defeat of Nazi Germany in Moscow,  Russia, Wednesday, May 9, 2012. Russian President Vladimir Putin has told the annual massive military parade in Red Square that the country will stand up for its positions.(AP Photo/RIA Novosti, Alexei Druzhinin, Government Press Service)

Cari cittadini russi,
Cari veterani,
Distinti ospiti,
Compagni soldati dell’Esercito e della Marina, sergenti e sottufficiali, marescialli e cadetti,
Compagni ufficiali, generali e ammiragli,
Porgo le mie congratulazioni a tutti voi in questo 70° anniversario della vittoria della Grande Guerra Patriottica!
Oggi, celebrando questo sacro anniversario, comprendiamo ancora una volta la portata della vittoria sul nazismo. Siamo orgogliosi dei nostri padri e nonni che riuscirono a battere, schiacciare e distruggere tale forza oscura. Il piano irresponsabile di Hitler fu una dura lezione per l’intera comunità internazionale. All’epoca, negli anni ’30, l’Europa illuminata non seppe vedere la minaccia mortale che risiedeva nell’ideologia nazista. Oggi, 70 anni dopo, la storia ci chiama ancora a saggezza e vigilanza. Non dobbiamo dimenticare che le idee di supremazia ed esclusività razziale provocarono la guerra più sanguinosa della storia. Tale guerra colpì quasi l’80% della popolazione mondiale. Molti Paesi europei sono stati ridotti in schiavitù e occupati. L’Unione Sovietica ha subito gli attacchi più crudeli dal nemico. Le forze d’élite naziste vi furono gettate. Tutta la loro potenza militare si concentrò contro di essa, e tutte le grandi battaglie decisive della Seconda guerra mondiale, per truppe, potenza e relativi armamenti, si svolsero in URSS. E non a caso, l’Armata Rossa prese Berlino con una campagna fulminea, infliggendo il colpo finale alla Germania di Hitler e ponendo fine alla guerra. La nostra nazione multietnica si oppose combattendo per la libertà del nostro Paese. Ognuno portava il pesante fardello della guerra. E nello stesso spirito, il nostro popolo compì un’impresa immortale per la salvezza della Patria. Decise l’esito della Seconda Guerra Mondiale. Liberò le nazioni d’Europa dai nazisti. Tutti i veterani di questa guerra, ovunque essi vivano oggi devono sapere che qui, in Russia, apprezzano i loro coraggio, forza e dedizione alla fraternità della prima linea.

Cari amici,
La Grande Vittoria sarà sempre il culmine eroico nella Storia del nostro Paese. Ma dobbiamo anche onorare i nostri alleati nella coalizione anti-hitleriana. Siamo grati ai popoli di Gran Bretagna, Francia e Stati Uniti d’America per il loro contributo alla vittoria. Siamo grati agli antifascisti di tutti i Paesi che generosamente combatterono il nemico da sostenitori e membri della resistenza clandestina, anche nella stessa Germania. Ricordiamo lo storico incontro sull’Elba (fra forze sovietiche e statunitensi) e fiducia e unità divenute nostro patrimonio comune ed esempio di unità dei popoli nella pace e stabilità. Sono proprio questi valori le fondamenta dell’ordine mondiale dopo la guerra. Le Nazioni Unite furono create e il sistema del diritto internazionale moderno emerse. Queste istituzioni si sono effettivamente dimostrate efficaci nella risoluzione di controversie e conflitti. Tuttavia, negli ultimi decenni, i principi fondamentali della cooperazione internazionale sono sempre più ignorati. Sono i principi strappati dall’umanità sulla scia delle prove spaventose della Guerra Mondiale. Vediamo tentativi di creare un mondo unipolare. Vediamo il blocco della forza bruta crescere. Tutto ciò mette a repentaglio lo sviluppo sostenibile globale. La creazione di un sistema di sicurezza eguale per tutti gli Stati dovrà essere nostro compito comune. Un tale sistema sarà la risposta giusta alle moderne minacce e dovrà essere regionale e globale senza blocchi contrapposti. Questa è l’unica strada che ci permetterà di garantire pace e tranquillità al pianeta.

Cari amici,
Accogliamo i nostri ospiti stranieri oggi ed esprimiamo gratitudine ai rappresentanti dei Paesi che combatterono contro nazismo e militarismo giapponese. Oltre ai militari russi, la parata vedrà unità di dieci altri Stati marciare sulla Piazza Rossa, sono soldati di Armenia, Azerbaigian, Bielorussia, Kazakistan, Kirghizistan e Tagikistan. I loro antenati combatterono fianco a fianco, sia in prima linea che nelle retrovie. Vi sono anche i soldati della Cina che, come l’Unione Sovietica, perse milioni di vite in quella guerra. La Cina fu anche il fronte principale nella lotta al militarismo in Asia. Anche i soldati indiani combatterono coraggiosamente contro i nazisti. Le truppe serbe opposero una forte e implacabile resistenza ai fascisti. Durante la guerra, il nostro Paese ebbe un forte sostegno dalla Mongolia. Ed ora in una formazione da parata unica, nipoti e pronipoti della generazione della guerra s’incontrano. Il Giorno della Vittoria è la nostra festa.
La Grande Guerra Patriottica fu in realtà la battaglia per il futuro di tutta l’umanità. I nostri padri e nonni subirono dolore, difficoltà e perdite incalcolabili. Lavorarono fino all’esaurimento, ai limiti della capacità umana. Combatterono fino alla morte. Furono esempio di onore e vero patriottismo.
Onoriamo tutti coloro che combatterono fino alla fine in ogni strada, casa e frontiera del nostro Paese.
Ci inchiniamo a coloro che perirono nelle feroci battaglie per Mosca e Stalingrado, Kursk e Dnepr.
Ci inchiniamo a coloro morti di fame e di freddo nell’invitta Leningrado, a coloro che furono torturati a morte nei campi di concentramento, in prigionia e sotto occupazione.
Ci inchiniamo con affetto in memoria dei figli, figlie, padri, madri, nonni, mariti, mogli, fratelli, sorelle, compagni, familiari e amici, in memoria di coloro che non tornarono da guerra, che non sono più con noi.
Facciamo un minuto di silenzio in loro memoria.

[Minuto di silenzio]

Nostri cari veterani,
Voi siete i protagonisti del Grande Giorno della Vittoria. La vostra impresa eroica ha contribuito a creare una vita dignitosa e pacifica a molte generazioni. Gli ha permesso di costruirsi una vita e vivere senza paura. E oggi, i vostri figli, nipoti e pronipoti si elevano sulle vette che avete posto. Lavorano per il bene presente e il futuro del proprio Paese. Servono il proprio Paese con dedizione. Affrontano con onore le complesse sfide di oggi. Garantiscono successo, prosperità e potenza al nostro Paese, alla nostra Russia!

Gloria al popolo vittorioso!
Buona festa a tutti!
Congratulazioni per il Giorno della Vittoria!
Evviva!

I commenti sono chiusi.